AAA ITALIA | Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, Architettura
22887
page,page-id-22887,page-template-default,ajax_updown,page_not_loaded,,select-theme-ver-2.4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
logo
info

Via Santa Croce 59
09126 Cagliari
+39 070 675 5633
+39 340 3344615
psanjust@unica.it

Università degli Studi di Cagliari

Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e Architettura
Università di Cagliari

Durante il XX secolo la Sardegna è stata partecipe di un grande processo di sviluppo urbano, infrastrutturale, industriale, turistico, che ci ha consegnato un vasto patrimonio di architetture, spazi urbani e quartieri di rilevante qualità, a testimonianza dello sviluppo di una modernità che, per quanto “imperfetta”, ha inciso profondamente sul paesaggio della Sardegna.
Fenomeni come l’industria mineraria dalla fine dell’800, gli interventi sul sistema idraulico dell’isola all’inizio del ‘900 (dighe, bonifiche, ponti), i centri fondati durante il periodo fascista e, negli stessi anni, il grande sviluppo urbano di Cagliari, gli apprestamenti militari durante la II guerra mondiale, i quartieri dell’Ina-Casa nel dopoguerra, i progetti legati alla riforma agraria, gli interventi nel settore culturale (musei, università, teatri, chiese), la prima stagione del turismo balneare, formano un patrimonio di grande rilevanza sia dal punto di vista architettonico e urbano, sia in generale per la storia della Sardegna contemporanea.
Eppure la consapevolezza culturale dei valori in gioco e le stesse politiche di tutela stentano ad affermarsi pienamente per un patrimonio, forse, troppo recente; e che costituisce anche quantitativamente un problema. Sia perché non sono sufficienti gli studi e le ricerche, pure numerosi negli ultimi anni, che affrontano questi temi e forniscono il supporto indispensabile alle politiche di tutela; sia perché, all’opposto, non è proponibile una tutela estesa ad un patrimonio così vasto, almeno nei termini con i quali la stessa affronta il patrimonio di epoche storiche precedenti.
A partire da queste riflessioni nasce il progetto Archivi di Architettura moderna della Sardegna.
Il progetto nasce nell’ambito della ricerca “Modi e tecniche per la conservazione ed il recupero dell’architettura del XX secolo in Sardegna”, coordinato dall’architetto Paolo Sanjust del Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e Architettura dell’Università di Cagliari, e finanziato dalla Regione Sardegna con la L.R.7/07, in collaborazione con la Soprintendenza Archivistica della Sardegna – partner nel progetto – e con il Comune di Cagliari, che rende disponibili gli spazi della Mediateca del Mediterraneo dove verranno depositati, e resi consultabili, i materiali.

 

Archivi e collezioni conservati
_Adriano e Lucio Cambellotti (1947 – 1995)
_Alberto Emanuele Sanjust (1933 – 1948)
_Studio Faggioli – Fantola (1953 – 2007)
_Paolo Lixi Garau (1953 – 1973)
_Guido Vascellari (1949 – 1987)
_Collezione Carta – Archivio fotografico (1919 – 1955)
_Antonio Franzil – Ferrobeton (1899 – 1973)
_Mauro Cabras (1938 – 1973)
_Romano Antico (1954 – 1993)
_Ubaldo Badas (1956 – 1987)
_Luigi Pani (1914 – 1953)