AAA ITALIA | Fondazione FS Italiane
23633
page,page-id-23633,page-template-default,ajax_updown,page_not_loaded,,select-theme-ver-2.4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
fond fs logo
info

Piazza della Croce Rossa, 1
00161, Roma
tel +39 06 44103000
direzione@fondazionefs.it
www.fondazionefs.it

 

Portale archivistico: www.archiviofondazionefs.it
Catalogo della biblioteca

Fondazione FS Italiane

 

 

La Fondazione FS Italiane nasce nel 2013 con lo scopo di conservare, valorizzare e consegnare integro alle future generazioni il patrimonio storico, tecnico e documentario delle Ferrovie dello Stato. Tale patrimonio è costituito da raccolte librarie, archivistiche, museali, nonché dal parco rotabili storici.

 

La Biblioteca, formatasi a partire dagli anni Ottanta dell’Ottocento, oggi conserva circa 40.000 volumi ed è tra le principali raccolte di testi in materia di trasporto ferroviario: una fonte di primaria importanza per lo studio della storia economica e sociale italiana degli ultimi 150 anni. Il catalogo è disponibile sul sito della Fondazione, accessibile agli studiosi, ai ricercatori e al vasto pubblico degli appassionati.

 

Gli Archivi storici custodiscono disegni, fotografie e filmati che documentano la storia ferroviaria italiana e l’attività dei Servizi Centrali dell’Azienda dal 1905 agli ultimi decenni del secolo scorso. La documentazione riguarda la costruzione delle linee e delle grandi opere ferroviarie (8.500 faldoni), i progetti e i disegni dei fabbricati funzionali al servizio e di altri edifici di competenza FS (10.000 disegni), la progettazione del materiale rotabile (7.200 rotoli), le raccolte dell’Archivio Audiovisivi (500.000 immagini fotografiche, 5.000 cassette video, 3.000 pellicole cinematografiche).

 

L’Archivio Architettura, in particolare, conserva migliaia di disegni e centinaia di fotografie di edifici ferroviari. Le raccolte provengono dagli uffici centrali del Servizio Lavori e Costruzioni delle Ferrovie dello Stato, preposto dal 1923 al 1986 alla progettazione, realizzazione e manutenzione delle infrastrutture. La parte più consistente dell’Archivio raccoglie circa 8.000 lucidi datati dagli anni Trenta agli anni Settanta del Novecento.

 

La Fondazione provvede alla salvaguardia e alla valorizzazione di questo vasto insieme documentario, favorendo le attività di studio e di ricerca. È impegnata, inoltre, in un progetto di digitalizzazione di alcuni fondi archivistici e bibliotecari di particolare rilievo storico-documentario.

 

Referente
Ilaria Pascale – Servizio Archivi e Biblioteche