Attività dei soci 2022

I Soci di AAA/Italia possono segnalare e pubblicare sul sito dell’Associazione le iniziative culturali promosse
o ospitate nelle loro sedi scrivendo a segreteria@aaa-italia.org.


Trasformazioni. Mutamenti del territorio e delle mentalità nei documenti d’archivio

L’Archivio storico dell’Ordine degli Architetti di Bologna interviene al seminario organizzato nell’ambito della ventunesima edizione della manifestazione “Quante storie nella Storia. Settimana della didattica e dell’educazione al patrimonio in archivio”, organizzata da Regione Emilia-Romagna – Settore Patrimonio culturale, Soprintendenza archivistica e bibliografica dell’Emilia Romagna e ANAI Associazione nazionale archivistica italiana – Sezione Emilia Romagna.
Il 18 maggio, dalle ore 14 alle 17:30, nel salone affrescato della Mediateca “Giuseppe Guglielmi”, in via Marsala 31 a Bologna. Qui il programma

Seminario Trasformazioni_invito_def_page-0001800


Archivi e architetti. Il patrimonio archivistico dell’architettura contemporanea dalla conoscenza alla valorizzazione

L’Associazione Nazionale Archivistica Italiana, che ha costituito recentemente un gruppo di lavoro sugli archivi di architettura, propone un corso di formazione strutturato in 5 moduli per un totale di 20 ore, che si terrà tra il 17  maggio e l’8 giugno. Il corso affronta il tema della descrizione, conservazione e valorizzazione degli archivi tecnici, che conservano disegni, foto, plastici ed altra documentazione progettuale utile per la ricostruzione dell’attività degli architetti, ma anche per la conoscenza e la comprensione dei contesti urbani e del tessuto architettonico delle città e delle infrastrutture del nostro Paese. Fra i diversi contributi dei soci AAA/Italia, è previsto anche un momento specifico di presentazione della associazione. Qui il programma

corso anai


L’architettura che resta. Francesco Mansutti e Gino Miozzo dal Razionalismo a oggi

Una mostra che si propone di illustrare l’attività di Francesco Mansutti e Gino Miozzo, due architetti padovani il cui operato si dispiega dagli anni del ventennio fascista al secondo dopoguerra. A Bolzano i due architetti realizzano fra il 1934 e il 1936 la Casa della Giovane Italiana per l’Opera Nazionale Balilla. Nel 1937 la Casa diventerà la sede della Gioventù Italiana del Littorio (GIL), nuova organizzazione giovanile del regime. Caduto in disuso , l’edificio verrà parzialmente trasformato e ampliato nel 1995 dall’intervento dell’architetto Klaus Kada di Graz, divenendo l’attuale sede del centro di ricerca Eurac Research. La rassegna è stata resa possibile grazie a un progetto del Mart e al lavoro di inventariazione del Fondo Mansutti e Miozzo conservato all’Archivio del ‘900 del Mart, in collaborazione con l’Università degli studi di Padova e con il Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale ICEA, e l’Eurac Research di Bolzano. Qui il flyer . Bolzano, Eurac Research, viale Druso, 1  12 aprile – 30 giugno 2022 | da lunedì a venerdì, ore 8.00 – 17.00

 

L’architettura-che-resta_2400x2400px-fotocredit-it


Il riuso degli ex conventi: la trasformazione come profezia

La Chiesa, nell’ambito di un più generale processo di trasformazione sociale, è in questi tempi interessata a un cambiamento di uso dei suoi spazi dal quale emerge la necessità di abbandonare o ridurre l’uso religioso di stabili pensati per comunità più numerose delle attuali. Questa trasformazione, così come ogni passaggio epocale, porta in sé la promessa di un futuro ed è, quindi, necessitante di uno sguardo profetico. Cosa mantenere nelle trasformazioni degli edifici di vita comune? Quale la loro eredità per i territori e quale immagine della Chiesa nella loro futura gestione?
Bologna, Centro studi per l’architettura sacra della Fondazione G. Lercaro
Mercoledì 6 aprile 2022 | ore 16.00 – 19.00

lercaro aprile 22


Il moderno e “il passato per nutrire il futuro”. Giornata di studio in onore di Giuliano Gresleri

Il Dipartimento di Architettura dell’Università di Bologna, l’Ordine Architetti di Bologna e un gruppo di amici e collaboratori di Giuliano Gresleri (1938-2020) promuovono questa occasione di incontro come momento di riflessione che intende raccoglierne e rilanciarne il lascito. L’evento sarà accompagnato da una Call for papers, tesa a raccogliere contributi originali che intersechino alcuni dei principali percorsi di ricerca di Giuliano Gresleri. Qui il programma
Bologna, Auditorium Enzo Biagi, Piazza del Nettuno, 3
Venerdì 25 marzo 2022 | ore 15:00

giuliano gresleri


Fotografi in archivio. Agenzia Publifoto: quando i fotografi andavano in vespa

Fondazione Dalmine prosegue il ciclo di incontri dedicati a fotografi che, nel corso del ‘900, hanno rappresentato l’azienda e la sua storia attraverso immagini di impianti, prodotti, territori, persone. Appuntamento dedicato all’agenzia fotografica Publifoto: cronaca, costume, società, industria e attività economiche, documentate con decine di migliaia di scatti oggi conservati in molti importanti archivi italiani.
Mercoledì 23 marzo 2022 | ore 17.30 – 18.45
Incontro online

dalmine 2022


Il libro Luca Meda, architecture, design, drawings, curato da Nicola Braghieri, Sabina Carboni e Serena Maffioletti e realizzato dall’Archivio Progetti dell’Università Iuav di Venezia viene presentato in Triennale, a Milano, l’8 marzo, alle 18,30.
Tutte le informazioni qui: https://triennale.org/eventi/luca-meda-architecture-design-drawings

Meda400


Il Centro studi per l’architettura sacra della Fondazione Lercaro di Bologna organizza il 16 marzo 2022 dalle 16 alle 19 il seminario in presenza e streaming Verso l’aldilà. Luoghi del commiato e spazi di custodia delle ceneri.
Per l’iscrizione, gratuita e obbligatoria, e per il programma: www.fondazionelercaro.it/centro-studi

Lercaro


Prende il via il 2 marzo il ciclo di incontri Archivia, lezioni dagli archivi di architettura, organizzato dal Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze. Strutturato in sette incontri on line dedicati al tema delle residenze private, si svolgerà nei mesi di marzo e aprile.
Per il programma dettagliato: archivia-architettura.it.

ARCHIVIA2022_ LOCANDINA_page-0001-400